Storie Archivi - Qualche Riga d'Abruzzo

Categoria:Storie

Racconti personali, immagini, storytelling e avvenimenti da ricordare in Abruzzo.


racconto-gianluca-salustri

Bergerac. Racconto breve di un amico fragile.

Di nuovo bare che si portano via buchi, banconi su cui poggiarsi e cucine da sodomizzare mentre fiori freschi circondano i fegati appassiti e gli amori di un tempo si ritrovano fuori dal sagrato. Sui volti di…



perdere una partita a carte

La mossa Francobaldi (O di come perdere una partita a carte)

La mossa Francobaldi viene data a una particolare situazione ubicata temporalmente, principalmente nell’ultima mano della nobile arte del Giuoco delle Carte italiano. Essa fu ufficialmente declamata dopo anni di attenta osservazione e studio del soggetto da cui prende il nome, visto spesso compiere errori di tipo clamoroso, strano, opposto alla ragione in una disputa dei seguenti giuochi:…



Alessandro Fantauzzi racconto

Una passeggiata aldilà

Un racconto di Alessandro Fantauzzi. Se vuoi pubblicare anche tu una storia scrivici a info@qualcheriga.it

 

Non ricordo esattamente in che modo ero passato a miglior vita. Forse un incidente stradale, forse un attacco di cuore, il particolare mi sfuggiva, ma al di là di questo fattore più o meno importante, di una cosa ero sicuro. Ero morto.

La…



photo credit:

L’asfalto drenante dell’autostrada del Sole

L’asfalto drenante dell’autostrada del Sole non è lo stesso che toccano le ruote del 12 notturno; quello che i proprietari del ristorante sotto casa cercano di prendere al volo chiudendo in fretta il locale che poi chissà quando passa il prossimo. Sull’asfalto drenante dell’autostrada del Sole puoi permetterti di stare sopra ai 100 pure se di acqua…



photo credit: Luigi Rosa has moved to Ipernity via photopin cc

Pensiero breve sull’orgoglio operaio del mio paese

Ho fatto vedere a mio padre le foto dei ponti di Reggio Emilia progettati da Calatrava. Tre grandi strutture che si stagliano nel panorama piatto della bassa. Se li vedi di notte pare quasi di non stare in Italia per quanto son illuminati. E non pare di stare nemmeno su quella via Emilia in cui Tondelli provava…