Neo Edizioni. I libri di Paolo Zardi

Neo Edizioni e quel sogno chiamato Premio Strega

Se esistesse un premio “orgoglio d’Abruzzo” da assegnare mensilmente, ad aprile il voto di Qualche Riga andrebbe senza ombra di dubbio alla Neo Edizioni. È la piccola casa editrice con sede a Castel di Sangro che è riuscita nell’impresa di far arrivare un suo libro tra i dodici finalisti del Premio Strega, il premio letterario più ambito, e più chiacchierato, del vecchio stivale.

Neo Edizioni. I libri di Paolo Zardi

Parliamo di XXI secolo di Paolo Zardi, presentato al premio da Giancarlo De Cataldo e Valeria Parrella, e che se la dovrà vedere ora con alcuni mostri sacri della letteratura e con altri outsider della scena editoriale italiana – come ad esempio Zerocalcare, che dopo la prima esperienza di Gipi dell’anno scorso sarà chiamato a tenere alta la bandiera del fumetto. La sfida ora è quella di riuscire ad arrivare all’ambita cinquina che si contenderà il premio finale nella serata conclusiva e nel consueto scenario del Ninfeo di Villa Giulia giovedì 2 luglio, ma già da ora in quel di Castel di Sangro si brinda ad un enorme successo. Un successo sudato e meritato, per una delle più piccole realtà del panorama editoriale italiano, capace in pochi anni di imporsi per la propria qualità e il proprio stile.

26 titoli in catalogo e poche novità all’anno, per ribadire che in questo settore non c’è più bisogno di abbattere milioni di alberi da stampare, ma di studio e dedizione nella ricerca del libro buono, che si incastri a perfezione nella linea editoriale e che regali ancora qualche sogno ai lettori. A dimostrarlo, il fatto che lo stesso Paolo Zardi fu inizialmente “scartato” dai due Nei, al secolo Angelo Biasella e Francesco Coscioni, poco convinti che il suo primo racconto arrivato nella sede della neonata casa editrice si sarebbe potuto sposare con le loro idee. Un rapporto che si è però poi capovolto nel 2010 con la pubblicazione della raccolta Antropometria, e nel 2013 con quella di Il giorno che diventammo umani, oggi alla quarta ristampa.

Poi il gran salto, con XXI secolo, fino al Premio Strega. A celebrare, per una volta, la meritocrazia dei piccoli editori contro lo strapotere da vetrina dei grandi; la ricerca della qualità contro il titolo ad effetto o il nome sicuro da portare da Fabio Fazio; la dedizione del lavoro culturale vecchio stampo contro la macchina da soldi (ormai inceppata) della grande editoria nostrana.

Auguri ai Nei dunque. E in bocca al lupo, che se ho capito bene, a loro il liquore Strega gli garba pure un sacco…

 

Aspetta, ho un regalo per te! Se vuoi leggere gratuitamente l’ebook de “Il terzino nella grappa” iscriviti alla newsletter. Lo riceverai subito sulla tua mail.

 

[Photo credit: Pagina Facebook Neo Edizioni]

Gianluca Salustri

Gianluca Salustri

Abruzzese forte e gentile. Redattore e curatore di contenuti con penna e tastiera. Dal 2006 nel mondo dell'editoria e della comunicazione. Se vuoi scoprire come posso esserti utile qui trovi un riassunto delle mie esperienze e i servizi che offro.
Gianluca Salustri
Ti è piaciuto questo contenuto? Condividilo con i tuoi amici!
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestPrint this pageEmail this to someone